NEWSLETTER  
 
ARCHIVIO NEWS


CHI SIAMO


ARCHIVIO


ATTIVITÀ


ASSOCIAZIONI


MULTIMEDIA


COLLABORA


CONTATTI




13/02/2012 da redazione
Galan e Capezzone contro Giovanardi. E Alfano?
 
alfano
“Buon San Valentino a tutte le donne che si stanno baciando, si sono baciate, si baceranno. Chiedo loro scusa a nome mio e di quanti nel mio partito la pensano come me e credono nel rispetto delle libertà personali, nel rispetto di un sentimento insindacabile da tutelare e non da giudicare. Alcune affermazioni, pensieri, idee del tutto personali, non sono però espressione naturale di un partito che si fonda sulla libertà, come e´ il nostro. La libertà non è uno slogan, bensì un valore, il più importante”. Così l’ex ministro della Cultura Giancarlo Galan ed esponente del Pdl ha commentato le dichiarazioni di Carlo Giovanardi.
 
Di Carlo Giovanardi e delle polemiche scatenate ieri non si parla nel Pdl. Ad ogni modo, Daniele Capezzone ha colto l’occasione di San Valentino per dire che "per ogni persona – ha sottolineato – è ragionevole confermare e manifestare rispetto pieno, indipendentemente dagli orientamenti, dalle identità e dalle preferenze sessuali di ciascuno".
 
Per Capezzone "In tutto il mondo occidentale, ormai, gli schieramenti di centrodestra liberale non hanno nulla da imparare rispetto ai progressisti su questo terreno. Va dunque ribadito che ogni frase, ogni battuta, ogni polemica volta a ferire e a offendere delle persone – ha concluso - è un errore grave, che va evitato e corretto. Buon San Valentino a tutte e a tutti, dunque, al di là di ogni inutile e antistorico steccato".
 
“Accogliamo favorevolmente le dichiarazioni dal Pdl dell’ex ministro Giancarlo Galan e di Daniele Capezzone – ha commentato il portavoce del Gay Center, Fabrizio Marrazzo - ma non bastano per risarcire non solo i gay ma l´opinione pubblica costretta alle volgarità di Carlo Giovanardi. Serve - ha detto Fabrizio Marrazzo - un´assunzione di responsabilità politica non solo in vista di San Valentino e delle pacifiche manifestazioni gay. Aspettiamo risposte concrete e di segno europeo e occidentale da chi ha governato fino a ieri e si propone come partito maggioritario. I gay in Italia sono bistrattati, maltrattati, emarginati, oscuri alla legge. Sono i fatti che contano e finora dal Pdl non ne sono venuti se non di segno negativo. Oltre a Capezzone e Galan non abbiamo sentito la voce del segretario del Pdl Angelino Alfano. Che ne pensa? Quando il Giovanardi pensiero sarà messo fuori contesto? Quando si potrà civilmente parlare di diritti gay senza essere offesi?”, Si chiede il portavoce del Gay Center.
 

Torna a ARCHIVIO NEWS
 
WebMaster: Daniele Sorrentino
Facebook Twitter YouTube