NEWSLETTER  
 
ARCHIVIO NEWS


CHI SIAMO


ARCHIVIO


ATTIVITÀ


ASSOCIAZIONI


MULTIMEDIA


COLLABORA


CONTATTI




31/03/2012 da gay&geo
Amarsi ad Amalfi, l'escursione
 
amalfi
Venerdì appuntamento alla Nike sull’atrio della stazione Termini Nike alle 11:00 partenza del treno Ic ore 11:39 con arrivo Salerno 14:39 (25:00 euro). A 100 metri dalla stazione c’è il porto da cui prendiamo la Motonave da Salerno a piazza Concordia ore 15:30 (tranquilli non è la Costa Concordia!) (7,00 euro) con arrivo ad Amalfi alle 16:15. Arrivare all’antica repubblica marinara via mare ci sembra il modo più vero (e rilassante) ma chi vuole può venire in macchina, il parcheggio viene 25 euro a giornata...
Fatto il Check in all’Hotel Amalfi, in via dei Pastai 3, comodo e centrale 3 stelle, semplice e signorile, 40 euro a testa la doppia, 35 la tripla, compresa prima colazione, pomeriggio e sera liberi
 
Sabato mattina ancora libero: consigliabile una visita ai monumenti della cittadina a due passi dall’albergo, come il Duomo stile romanico con influenze orientali, la cui porta proviene da Costantinopoli, il moresco chiostro del Paradiso, ecc.
 
Per chi parte sabato, c’è un pratico intercity alle 7:39 che arriva a Salerno alle 10:30: in tempissimo quindi per prendere se non la motonave alle 10:40 almeno quella delle 11:40 che arriva ad Amalfi alle 12.15. Ultimato il check in dei partecipanti all’hotel Amalfi, alle 14:00 raduno di tutti i partecipanti a piazza Flavio Gioia (1) vedi cartina, proprio davanti al monumento al leggendario inventore della bussola.
 
DAVVERO AMALFI… E’ UN PARADISO?
Per non perdere… la bussola davanti a tanta bellezza e verificare se quello che dice lo scrittore Fucini è vero  faremo un percorso da Oriente a Occidente, lungo il terrazzo naturale su cui si affacciano i suoi due famosi alberghi-conventi, il Luna e il Cappuccini, per impadronirci un po’ di questa località. Da piazza Flavio Gioia (in cartina 1), prendiamo via Masaniello, agitatore e capopopolo, che oltre ad essere originario di queste parti era anche omosessuale (e questo è un altro punto di merito) e arriviamo a piazza dei Dogi, da dove facciamo visita ad una tipica Domus aristocratica. Salita San Nicola dei Greci: varchiamo la porta occidentale della città, Porta Canonica e attraverso via Annunziatella arriviamo al Cappuccini Convento, uno dei grandi conventi alberghi d’epoca di Amalfi, la cui spendida veduta ispirò allo scrittore Forster il romanzo Camera con vista (1908). “…chi non ha visto Amalfi, non ha visto il mondo, ma chi non l’ha vista dalla terrazza del Convento dei Cappuccini, non ha visto Amalfi…” (O. Stiwell). Da qui andiamo alla Passeggiata Longfellow (altro straniero innamorato di questi luoghi!) e ritorniamo ad Amalfi per Salita Santa Caterina e Lungomare dei Cavalieri. Qui sotto c’è la romantica grotta Sant’Andrea, dove dicono, si entra in due si esce in tre (che vorrà dire?  ). Da qui completiamo il giro nella parte orientale di Amalfi per via delle Repubbliche Marinare, piazza Municipio (3) via Roberto il Guiscardo fino alla parte orientale della cittadina e l’Hotel Luna Convento, dal bel chiostro duecentesco di San Francesco (fondato dal santo), che ospitò Rossellini e la Magnani e fu teatro della loro tempestosa rottura.
 
Ritorno ad Amalfi e cena sociale a 20 euro con menu tipico amalfitano da Memè 089/8304549, ristorante sperimentato  Menu da stabilire… ma non possono mancare le famose delizie alla crema di limone (di Amalfi) e il limoncello finale!
 
IL PARADISO DI AMALFI
Domenica 15 aprile: ore 10 appuntamento a piazza Gioia (1). Attraversiamo tutta la cittadina fino al museo della Carta (5) (Sembra che gli amalfitani abbiano appreso dagli arabi l’uso della carta, da cui derivano la celebre carta a mano di Amalfi ) Risaliamo la Valle dei Mulini, lunga e selvaggia gola che dal centro storico di Amalfi risale il corso del torrente Canneto inoltrandosi sui monti Lattari. Per questa, considerata la più bella escursione di Amalfi, consigliamo scarponcini di montagna.
Da via delle Cartiere, svoltiamo a destra per via Paradiso … che è tutto un programma, con giardini di limoni arrampicati sulle pendici dei monti Lattari e una vegetazione che cambia man mano che si sale, con felci e rarità arboree, fino alla vecchia centrale elettrica e ad una antica ferriera (6). Da qui svoltiamo a destra per un sentiero che taglia la macchia mediterranea tra lecci e corbezzoli fino al grazioso villaggio di Pontone (bella la vista su Amalfi sottostante), pranzo al sacco (7) da cui riscendiamo su Amalfi tramite la Salita Pontone (8). Ad Amalfi o si sale o si scende… non c’è via di mezzo! Al ritorno… dolce pausa alla Pasticceria Bassano una delle più famose della città… Nella pasticceria Bassano - suggerisce Ciro - ci darem la mano ed un bacin d´amore…
 
Fatto il check out dall’albergo, salpiamo con la nave delle 17:45 che ci porta a Salerno alle 18:30 da dove prendiamo l’intercity delle 19:27 da Salerno che arriva a Roma-Termini alle 22:21
 

Torna a ARCHIVIO NEWS
 
WebMaster: Daniele Sorrentino
Facebook Twitter YouTube