NEWSLETTER  
 
ARCHIVIO NEWS


CHI SIAMO


ARCHIVIO


ATTIVITÀ


ASSOCIAZIONI


MULTIMEDIA


COLLABORA


CONTATTI




31/12/2012 da redazione
Buon 2013 dal Gay Center
 
gay center
Si sta concludendo il 2012. Per noi è stato un anno ricco di iniziative e di attività che abbiamo condiviso insieme. Difficile ricordarle tutte perchÚ siamo stati presenti su vari fronti.
 
Sicuramente sulle scuole con il progetto Niso, con Gay Help Line e tutte le persone supportate, con il congresso di Arcigay, con il Rainbow Bar, con la partecipazione al Pride e il concerto Love Live con Malika Ayane e Marco Guazzone, con le iniziative per la prevenzione e per la salute, con gli appuntamenti del Gruppo Giovani, il gruppo cultura al femminile gestito da ArciLesbica Roma, con le conferenze di Stuart Milk, con l┤iniziativa di San Valentino a Montecitorio, con i vari interventi sull┤attualità politica e di cronaca, con i casi di omofobia che abbiamo seguito e su cui siamo intervenuti.
 
Il Gay Center cresce di anno in anno grazie alla partecipazione di tutti e tutte.
 
Presto inaugureremo anche le nuove sale della sede creando maggiore spazio per iniziative e progetti e per la nostra vita associativa. Se volessimo dedicare l┤anno che si sta chiudendo sicuramente il nostro pensiero non potrebbe che andare a due ragazzi. A Daniel Zamudio, il ragazzo cileno vittima di una brutale aggressione omofoba e ad Andrea, il ragazzo romano che si è suicidato.
 
Questi due casi, seppur diversi, ci hanno messo di fronte alla brutalità dell┤omofobia e a quanto sia necessario combatterla con sempre maggiori strumenti. Una battaglia che si vince anche con l┤affermazione di diritti, quei diritti che ancora la politica non riconosce e su cui va tenuta alta la nostra attenzione.
 
Se guardiamo all┤Europa ci accorgiamo di quanto altrove il confronto sia avanzato. In questi ultimi giorni arrivano le notizie dalla Francia che discuterà un progetto di legge del governo per l┤introduzione dei matrimoni gay, dalla Gran Bretagna lo stesso, da paesi dell┤America Latina dove vengono approvate le unioni civili.
 
Di diverso segno le notizie che arrivano dai paesi dell┤ex Urss dove invece si fa largo una politica repressiva che per molti versi torna a criminalizzare l┤omosessualità. Su tutti però spicca la politica di apertura di Obama e il voto favorevole ai matrimoni gay in molti stati americani.
 
In questo quadro internazionale l┤Italia soffre ancora di inerzia. Anche se alcune aperture almeno all┤interno del centrosinistra si fanno largo. Ma ancora siamo lontani dal porre nell┤agenda politica i diritti civili.
 
L┤Italia che si prepara alle elezioni appare frammentata e in cerca di identità nuove. Nostro compito sarà quello di provare a inserire i nostri temi nel dibattito politico e sostenere chi li mette in agenda.
 
Poi dovremo organizzare le attività prossime e iniziare un anno di lavoro intenso e soprattutto cercare quelle risorse economiche che ci possano consentire di operare al meglio con nuove campagne. Per questo è necessario l┤aiuto di tutte e di tutti e tutte per far vivere le nostre idee. E per questo è doveroso il ringraziamento a tutte le volontarie e a tutti i volontari che con il loro impegno hanno permesso tutto questo.
 
Il 2013 sarà un anno importante e certo dobbiamo essere pronti a nuove sfide. Intanto vogliamo farvi i migliori auguri di buone feste e ringraziarvi per il vostro sostegno a nome di tutta l┤associazione.
 
Fabrizio Marrazzo - portavoce Gay Center
Angela Infante - presidente Gay Center
Mattia Cinquegrani - presidente Arcigay Roma
Ileana Aiese - presidente ArciLesbica Roma
 

Torna a ARCHIVIO NEWS
 
WebMaster: Daniele Sorrentino
Facebook Twitter YouTube