NEWSLETTER  
 
ARCHIVIO NEWS


CHI SIAMO


ARCHIVIO


ATTIVITÀ


ASSOCIAZIONI


MULTIMEDIA


COLLABORA


CONTATTI



19/10/2011 da redazione
Episodi di bullismo omofobico per sette ragazzi su dieci. Un terzo a scuola
 
gay center
Il fenomeno del bullismo e della discriminazione nelle scuole italiane messo in luce da un´indagine sociale condotta su mille ragazze e ragazzi dai 13 ai 26 anni in tutta Italia. A renderne noti i risultati del rapporto, il portavoce del Gay Center Fabrizio Marrazzo, nel corso della presentazione del concorso ´Voice OUT!´ del progetto europeo ´Niso´ presso il liceo Socrate. "Il 74% degli intervistati racconta di aver subito almeno un episodio di bullismo e/o discriminazione, di questi il 36% è avvenuto a scuola", ha spiegato Marrazzo.
 
Sempre stando alle cifre, il 45% dei ragazzi intervistati, racconta di non aver fatto coming out a scuola, mentre il 55% di averlo fatto solo con alcune persone (36%) o con tutti (19%). Tra le principali motivazioni che spingono i giovani a non fare coming out la paura delle reazioni degli altri e di subire discriminazioni o violenze e il timore che la società non sia pronta ad "accettare" e a "capire".
 
In ambito scolastico, i primi dati raccolti sulla percezione dell´omofobia, su un campione di studenti al 95% eterosessuali e al 5% lesbiche e gay tra i 13 e i 20 anni (50% maschi, 50% femmine) mostrano che, il 37% dichiara di conoscere al massimo due persone omosessuali, il 22% conosce da 2 a 5 gay e un altro 22% afferma di non conoscere gay. Alla domanda su quanti studenti gay ritengono che ci siano nella propria scuola, il 30% risponde nessuno, il 57% meno di uno, il 4% meno di dieci e il 3% meno di 20.
 
La percezione dei giovani mostra, inoltre, come il 48% ritenga che i gay siano accettati molto negativamente o negativamente nelle scuole. Solo per il 10% c´è un clima positivo per gli studenti omosessuali. Il 9% degli studenti ritiene che i giovani omosessuali trovino un contesto sociale gayfriendly, mentre per il 55% la società è omofoba.
 
 

Torna a ARCHIVIO NEWS
 
WebMaster: Daniele Sorrentino
Facebook Twitter YouTube