NEWSLETTER  
 
ARCHIVIO NEWS


CHI SIAMO


ARCHIVIO


ATTIVITÀ


ASSOCIAZIONI


MULTIMEDIA


COLLABORA


CONTATTI



14/03/2013 da redazione
Gay&Geo in gita a Fondi
 
fondi
Appuntamento a Roma-Termini alle 9:20 alla Nike.
 
Partenza con treno regionale alle 9:49 con arrivo a Fondi-Sperlonga alle 10:59
  
La stazione è vicina al M.O.F. (mercato ortofrutticolo fondi). Pazienza! Raggiungeremo a piedi la città che dista circa un paio di chilometri, approfittando per sgranchirci le gambe…
 
L’impianto della cittadina è assai antico. Varie insulae medioevali si susseguono attorno all’asse centrale di Corso Appio Claudio, che altro non è che la via Appia romana, bellissimi negozi. Qui c’era una volta un locale gay-friendly, cosa rara nel sud-pontino… Altra cosa positiva, i romani che non amavano particolarmente gli sgarrupi, la fecere distendere riposatamente in pianura.
 
Siamo ai vecchi confini dello stato pontificio col regno di Napoli, segnati da una vecchia torre di confine (la torre dell’Epitaffio), nella vicina località di Monte San Biagio e ai limiti della cultura degli agrumi. Nella piana di Fondi troveremo arance buone (anzi forse migliori) che in Sicilia!
 
Visiteremo il Palazzo del Principe o Caetani, dall´architettura gotico-catalana, con il museo (se ci apre le porte con i buoni uffici del nostro socio Roberto Lucifero).
 
Da questo palazzo la bellissima Giulia Gonzaga si calò, quella notte d’estate di tanti anni fa, dalla finestra del palazzo, per sfuggire alle grinfie del pirata Barbarossa, sbarcato nella vicina Sperlonga, che voleva portarla in dono al proprio Sultano, per rallegrare le notti del suo harem.
 
Scalza se ne fuggì (pare) a Itri, che ancora non era diventata la moderna Itricos, la Lesbo d’Italia. Qui, negli ormai lontani anni Novanta si formò infatti una comunità gaya emigrata quassù dalle rocce dei Trecento Gradini, molto frequentata da qualcuno di questo gruppo!
 
Visiteremo poi il vicino Castello, con il poderoso mastio (simbolo di Fondi) al centro del vecchio foro, le mura ciclopiche, simili ad altri centri della Ciociaria, tipo Alatri, la Chiesa di S. Maria dell´Assunta (1400), il Duomo di S. Pietro (1100), bellissimi esempio di romanico-gotico e il suggestivo quartiere ebraico (La Giudea) dove si trova una casa stregata, pare (la casa degli spiriti) dove purtroppo io ho soggiornato.
 
Pranzo in pizzeria, da decidere… a Fondi c´è un´ottima cucina di terra e di mare.
 
Le vie di Fondi hanno poi la particolarità di essere pavimentate di una pietra bianca molto lucente, un bianco lunare, che si apprezza particolarmente la sera.
 
Rientro a Roma con treno delle 20:02 che arriva a Roma alle 21: 25… se lo perdiamo poco male, ogni ora c’è un treno per Roma… fino ad una certa ora però.
 
Per prenotarsi rivolgersi a Ciro o Luigi... 19 marzo 2013 ore 22,00 Bar Coming Out 
 

Torna a ARCHIVIO NEWS
 
WebMaster: Daniele Sorrentino
Facebook Twitter YouTube