NEWSLETTER  
 
ARCHIVIO NEWS


CHI SIAMO


ARCHIVIO


ATTIVITÀ


ASSOCIAZIONI


MULTIMEDIA


COLLABORA


CONTATTI




07/04/2011 da redazione
Polizia di Stato e Ministero per le Pari Opportunità insieme contro l'omofobia
 
polizia di stato
“Il capo della Polizia di Stato Antonio Manganelli ha annunciato alle associazioni omosessuali e transessuali presenti alla periodica riunione dell’Oscad, l’Osservatorio sulla Sicurezza contro gli Atti Discriminatori, la firma di un protocollo d’intesa con il Ministero delle Pari Opportunità. L’accordo prevede corsi di formazione sul contrasto dell’omofobia e della transfobia al secondo anno della scuola di polizia”.
Lo hanno raccontato Enrico Oliari, presidente di Gay Lib e Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center.
 
“Si tratta – aggiungono – di un accordo molto importante. Le Forze dell’Ordine sono fondamentali nel contrasto di ogni forma di intolleranza e discriminazione. Oggi la maggioranza delle persone lesbiche, gay e trans non denuncia perché teme conseguenze negative nella propria vita privata, familiare o professionale. Soltanto due casi su dieci vengono denunciati. In questo modo si avvia un percorso che avvicina l’Italia all’Europa dove le Forze di polizia sono in prima linea sostenendo chi subisce discriminazioni e violenze perché lesbica, gay o trans attraverso molti servizi. Vogliamo ringraziare il prefetto Manganelli e il prefetto Francesco Cirillo per lo straordinario impegno e per aver coinvolto a tutti i livelli sia la Polizia di Stato che i Carabinieri anche nell’elaborazione di soluzioni innovative”.
 
“La nostra collaborazione con Oscad – ha spiegato Marrazzo – è stata positiva. Negli ultimi mesi la sinergia, anche con la squadra mobile di Roma ha reso possibile la soluzione di due casi di violenza, uno dei quali particolarmente efferata ai danni di un ventenne ferito con cocci di bottiglia al collo e al volto che si era rivolto al servizio Gay Help Line. I responsabili del crimine sono stati, infatti, individuati e ora sono in attesa di giudizio”.
 
“La presenza alla riunione di Franco Grillini, presidente di GayNet e tra i fondatori del movimento omosessuale italiano – ha aggiunto Oliari – è stata molto significativa proprio ha evidenziato questo grande passo in avanti culturale collettivo”.
 

Torna a ARCHIVIO NEWS
 
WebMaster: Daniele Sorrentino
Facebook Twitter YouTube