NEWSLETTER  
 
ARCHIVIO NEWS


CHI SIAMO


ARCHIVIO


ATTIVITÀ


ASSOCIAZIONI


MULTIMEDIA


COLLABORA


CONTATTI




16/02/2015 da 
Cuomo a processo. Una vicenda gravissima di violenze e soprusi contro dipendente transessuale – #BoicottaCuomo
 
Mozzarelle Cuomo

Un gravissimo caso di discriminazione e violenza contro una persona transessuale, donna all´epoca dei fatti e oggi uomo. Negli stabilimenti della ditta Cuomo di Aprilia, Simona, oggi Simone, allora operaia nel caseificio sarebbe stata oggetto di ripetuti atti di molestie sessuali, aggressioni fisiche, minacce di licenziamento, insulti, gravi comportamenti lesivi della dignità personale e del rispetto dei diritti più elementari del lavoro. Una vicenda che ha atteso anni per finire finalmente a giudizio e a luglio partirà il processo contro Cuomo Anna della omonima ditta Industrie Latticini Cuomo, e tre dipendenti accusati di essere gli autori materiali delle condotte persecutorie.

Da quando Simona aveva iniziato le cure per il cambio di sesso nei suoi confronti in azienda si è scatenata una costante azione di soprusi e violenze per indurla a lasciare il posto di lavoro. Offese come “carne di porco, ti faremo impazzire”, “ma le lesbiche cosa usano per fare sesso”, “sei lesbica e mezzo frocio”, “se mi denunci vengo sotto casa e ti spezzo le gambe”. Ma oltre alle ingiurie e alle violenze verbali continue, Simona sarebbe stata anche ripetutamente aggredita fisicamente con schiaffi e calci, addirittura palpeggiamenti e molestie sessuali. Il 13 settembre del 2010, a causa di queste violenze, Simona aveva tentato di suicidarsi all´interno della mensa aziendale.

“E´ una storia incredibile di violenza e discriminazione”, dice Fabrizio Marrazzo, portavoce di Gay Center, l´associazione che segue il caso di Simona, oggi Simone, a cui sta dando assistenza legale con l´avvocato Daniele Stoppello. “La storia di Simone merita di essere conosciuta perché ci troviamo di fronte a fatti che chiedono giustizia. Qui non c´è solo una vicenda di discriminazione ma siamo di fronte a fatti violenti e aggressioni fisiche e psicologiche”.

“Sui nostri social network – continua Marrazzo - parte oggi la campagna #BoicottaCuomo. Chiediamo a tutti di aderire e di dare un segnale forte di protesta, a partire dai consumatori, dalle associazioni sindacali, dai lavoratori e dai supermercati ”.

 

Torna a ARCHIVIO NEWS
 
WebMaster: Daniele Sorrentino
Facebook Twitter YouTube