NEWSLETTER  
 
MULTIMEDIA


CHI SIAMO


ARCHIVIO


ATTIVITÀ


ASSOCIAZIONI


MULTIMEDIA


COLLABORA


CONTATTI




15/05/2012 da redazione
Elsa Fornero apre alle famiglie gay? Il Governo faccia passi avanti con idee e proposte
 
"La famiglia è in crisi. Una crisi innanzitutto di identità: la famiglia tradizionale rischia di diventare un´ eccezione, non più la regola. Oggi le famiglie di fanno e si disfano, le coppie di fatto chiedono di essere considerate famiglie, ci sono coabitazioni di persone dello stesso sesso che chiedono la stessa cosa. Dobbiamo sforzarci di distinguere la parte riconducibile a un sistema di valori tradizionali e una visione aperta in cui tutti chiedono diritti". Nel mezzo di un convegno sulla famiglia, intervenendo subito dopo l´ipercattolico leader del Forum delle associazioni familiari Francesco Belletti, il ministro Elsa Fornero è andata dritta al cuore del problema: ma di che famiglia stiamo parlando?
 
“Siamo pronti ad aiutare il Ministro Fornero nella riflessione sulle nuove famiglie. Finalmente - ha detto il portavoce del Gay Center, Fabrizio Marrazzo - il Ministro dice con chiarezza che continuare a nascondere le nuoverealtà familiari comprese quelle delle coppie gay non si può più fare e chesarebbe come nascondere la realtà. Ci aspettiamo una riflessione urgente dunque ma anche un avanzamento di proposte. Se questo Governo vuole rendere competitiva l´Italia anche sul piano dei diritti deve guardare agli altri paesi Europei con più coraggio”.
 
“Ci aspettiamo – ha aggiunto Fabrizio Marrazzo - che Fornero lo faccia e che elabori delleproposte da Ministro con delega alle Pari Opportunità. L´ultimo esempio in ordine di tempo viene dalla Francia di Hollande, per non parlare dell´aperturadi Obama ai matrimoni gay. Ormai l´Italia sembra circondata su questi temi. Riconoscere le coppie e le famiglie gay non è un atto rivoluzionario o da estremisti, è esercizio politico conservatore e progressista allo stesso tempo. Sarebbe un modo per far vincere i diritti e non l´assenza della legge che crea disuguaglianza come è adesso”.
 I
 


 

Torna a MULTIMEDIA
 
WebMaster: Daniele Sorrentino
Facebook Twitter YouTube