NEWSLETTER  
 
MULTIMEDIA


CHI SIAMO


ARCHIVIO


ATTIVITÀ


ASSOCIAZIONI


MULTIMEDIA


COLLABORA


CONTATTI



07/09/2009 da repubblica.it
Dino, "cicatrici sulla pelle e dentro me". Parla il ragazzo aggredito da 'Svastichella'
 
Una serata interrotta bruscamente da un´aggressione alle spalle. Una coltellata al polmone, il ricovero in ospedale, l´operazione d´urgenza. Poi, la convalescenza a casa, in un paese delle Marche, lontano dalla grande città, dal luogo dell´aggressione, dai riflettori.
 
A un mese e mezzo dalla violenza subita il 22 agosto, Dino si mostra in pubblico e fa vedere le proprie ferite "fisiche e psicologiche". E confessa: "sono traumatizzato, la notte non riesco più a dormire. Ho incubi costanti, non riesco a tornare alla vita di prima". Dino mostra la propria cicatrice sull´addome, segno dell´operazione. "Avrò cicatrici a vita - dice - questa è quella fisica". Poi certo ci sono ferite interiori. "Ho scelto di tornare a mostrami - confessa - per essere un testimone, e per convincere tutti i ragazzi e le ragazze vittime di omofobia a denunciare gli episodi di violenza a loro danno".
 
"Purtoppo solo una minoranza denucia violenze e discriminazioni", afferma Arcigay Roma. Questo perché "si ha paura delle conseguenze", dice Dino che ammette come a volte si rinuncia a denunciare per evitare di fare coming out: "prima dell´aggressione - dice Dino - molti sapevano che ero gay, ora lo sanno tutti". Poi Dino ha ricordato quella notte del 22 agosto. "Ero seduto con il mio ragazzo di fronte ad un ambulante di panini - racconta - di tanto in tanto ci scambiavamo un bacio. Ad un certo punto abbiamo sentito un uomo gridare: vergognatevi!". "Ma di cosa dobbiamo vergognarci, non facevamo nulla di male", prosegue il ragazzo. Poi la coltellata e il risveglio in ospedale. "Non mi ricordo più nulla di cosa è successo.
 
"
 

Torna a MULTIMEDIA
 
WebMaster: Daniele Sorrentino
Facebook Twitter YouTube