140x140

via Nicola Zabaglia 14

00153 Roma (RM)

Metro B Piramide | mappa

e-mail:info@gaycenter.it
140x140

DUE DONNE SI BACIANO ALLO STADIO, RIMPROVERO DELLA SECURITY

Se persino la libertina Seattle riesce ad essere intollerante con le coppie di omosessuali, c´è da temere che l´America sia più tradizionale di quanto si creda.
 
Proprio qualche giorno fa, allo stadio di Fenway Park, durante una partita di baseball tra i Marines e i Boston Red Sox, una coppia di donne che si scambiava effusioni amorose è stata redarguita dal personale di sicurezza e invitata a metter da parte baci e carezze.
 
Sabrina Guerrero e la sua compagna stavano guardando la partita dagli spalti e si baciavano, un uomo della sicurezza si è avvicinato dicendo loro di smettere perché qualcuno allo stadio si era lamentato per il fastidio di vederle in intimità.
 
"E´ stato proprio schoccante", racconta Sabrina, "Seattle è sempre stata così accogliente con gli omosessuali. C´era una coppia poche file più avanti che si stava baciando. E noi ci stavamo solo scambiandoci effusioni".
 
La portavoce dei Mariners si è scusata e ha detto che la squadra sta indagando per capire meglio cosa sia successo ma il buttafuori avrebbe solo risposto alle lamentele della gente che non ha gradito i baci in pubblico.
 
"Ci sono persone che non hanno ancora accettato le coppie di gay e lesbiche e mormorano o le osservano con insistenza" come fenomeno strano, dice Josh Friedes di Equal Rights Washington.
 
In ogni caso la vicenda ha scatenato un putiferio di polemiche e di contestazioni sui blog e giornali internet: il presidente dei Mariners si sarebbe scusato con Sabrina Guerrero ma l´episodio ha oramai veicolato l´attenzione delle organizzazioni di difesa dei diritti civili.


 

via zabaglia 14

00153 Roma (RM)

Metro B Piramide | mappa

e-mail:info@gaycenter.it